Come usare una stufa a legna

Poche semplici manovre per assicurarsi un calore naturale

E’ stato dimostrato che la stufa a legna è il sistema di riscaldamento per eccellenza, naturalmente dopo il camino. Sono molte le persone che, nonostante i metodi alternativi di riscaldamento, preferiscono ancora oggi usare questo intramontabile dispositivo.
Si adatta perfettamente ad ogni gusto personale ed allo stile dell’arredamento di ogni casa.

La stufa a legna più popolare è quella realizzata in ghisa o in materiale refrattario. La motivazione? Beh, è molto semplice: questo tipo di stufa favorisce la propagazione uniforme del calore, mentre l’aria calda prodotta entra dalla griglia e viene a sua volta distribuita per tutta la casa tramite un sistema di ventilatori.

Le stufe a legna utilizzano il legname come combustibile e sono costituite da una camera di combustione, una canna fumaria e da un sistema di ventilazione.
Per una corretta diffusione del calore in tutta la casa, è molto importante prima di tutto rivolgersi a personale qualificato in grado di consigliare ed istruire i clienti.

A volte accade che, per ragioni strettamente economiche, molte persone si ritrovano a fare una scelta errata con conseguenze spiacevoli; quindi è bene fare molta attenzione quando si decide di acquistare una stufa a legna per la propria abitazione.

Ecco come usare una stufa a legna

Prima di accendere la stufa a legna è fondamentale porre attenzione ad alcuni piccoli accorgimenti:

  • Far controllare l’impianto fumario da una persona specializzata
  • Controllare che il cassetto raccogli cenere sia pulito
  • Controllare che la camera di combustione sia pulita
  • Verificare attentamente il tiraggio della canna fumaria. Come rendersene conto se funziona perfettamente? Mettere un fiammifero vicino alla presa dell’aria. Se la fiamma tira verso la direzione dell’apertura della presa dell’aria significa che il tiraggio è efficiente.

Una volta che sono state eseguite queste piccole verifiche, si può accendere la stufa a legna.

Per accendere una stufa a legna bisogna inserire nella camera di combustione alcuni ceppi di legna secchi e stagionati e qualche rametto sottile in maniera tale da facilitarne l’accensione e infine qualche foglio di carta di giornale.

Con un accendino dare fuoco ai giornali di carta. Subito dopo chiudere lo sportello della stufa in modo che si ottenga il giusto tiraggio e la legna riceva la corretta quantità d’aria.

Una volta che la legna prende fuoco, è possibile regolare l’aria. Ovviamente bisogna evitare un tiraggio troppo forte ma evitare anche una combustione troppo lenta perchè si rischia di creare depositi di fuliggine all’interno dell’apparecchio.

Affinchè la combustione sia soddisfacente al 100% è necessario che il legno abbia un buon contenuto di umidità. E’ bene evitare di acquistare legna laccate, laminate, trattate, perchè con il tempo si rischia di danneggiare la stufa (oltrechè… la propria salute!)

Ecco i vantaggi di una stufa a legna

Forse non tutti lo sanno, ma le stufe a legna offrono numerosi vantaggi, ovvero:

  • Alto rendimento del combustibile
  • Basso rilascio di CO2
  • Possibilità di produrre acqua calda
  • Possibilità di sfruttare la canna fumaria di un camino preesistente
  • Possibilità di riscaldare la casa in piena autonomia

In aggiunta le stufe a legna presentano forme, dimensioni e rivestimenti di elevate prestazioni termiche.

Infine, con una stufa a legna non si rischierà mai di rimanere senza riscaldamento, in quanto non necessita di corrente elettrica.

Hai ancora dei dubbi?
Scrivi subito e ti risponderemo in tempi brevi per risolvere ogni tuo dubbio
Vi scrivo per saperne di più